Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

PRIMA VISITA UFFICIALE DELL'AMBASCIATORE LUCA FERRARI NEL GUANGDONG

Data:

07/12/2020


PRIMA VISITA UFFICIALE DELL'AMBASCIATORE LUCA FERRARI NEL GUANGDONG

Dal 26 al 28 novembre l’Ambasciatore d’Italia in Cina, Luca Ferrari, ha effettuato la sua prima visita ufficiale nel Guangdong. Durante la sua permanenza ha incontrato il sindaco di Guangzhou Wen Guohui, con il quale ha avuto un proficuo scambio di opinioni. Intense le relazioni tra Guangzhou e alcune città italiane come Bari, Genova e Padova. L’auspicio è che queste relazioni proseguano con la ripresa di voli diretti con l’Italia e lo scambio di studenti.
L‘Ambasciatore ha inoltre incontrato il Vice Governatore della provincia di Guangdong, Xu Ruisheng, grande amico dell’Italia, appassionato di arte e cultura italiana, gettando le basi per nuove attività da realizzare insieme.
A Foshan, una tra le più ricche città cinesi all’avanguardia nel campo dell’automazione industriale, l’Ambasciatore Ferrari ha avuto un fruttuoso colloquio con il sindaco Zhu Wei, nella cornice italiana del Florentia Village, dove si è svolta la seconda edizione dell’Italian Food Festival. Numerose le collaborazioni in cantiere in campo culturale e commerciale anche in vista di instaurare rapporti con alcune città italiane dell’Emilia Romagna, considerate le numerose affinità.
Infine, la visita è stata occasione per incontrare la comunità d’affari italiana nel Guangdong, dove si è svolta per la prima volta la riunione del board meeting della Camera di Commercio Italiana in Cina, che con l’occasione ha anche inaugurato i suoi nuovi uffici. Un segno di attenzione nei confronti di un’area con una forte presenza industriale italiana, per affrontare assieme le nuove sfide. Molto interessante lo scambio avuto con alcuni rappresentanti della collettività italiana e la visita allo stabilimento FCA a Guangzhou, dove vengono prodotti i nuovi modelli Jeep Chrysler per il mercato cinese.


349